UN CONCORSO IN 10 PASSI

Per organizzare un concorso a premi è necessario rispettare gli adempimenti richiesti dalla normativa vigente: una serie di passi che vanno compiuti con scrupolosa attenzione per evitare il rischio di incorrere in contestazioni da parte dei consumatori o in sanzioni da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.

1. COMPILAZIONE MODELLI

Ogni manifestazione a premio richiede la redazione di un regolamento. Nel caso di concorsi è necessario: redigere il regolamento, compilare il modello “Prema”, accendere una fidejussione sul totale del montepremi, inviare il tutto telematicamente al Ministero.

2. REDAZIONE REGOLAMENTO

Il regolamento deve contenere tutti i dati relativi al concorso ed essere esaustivo e chiaro per una facile fruizione da parte dei partecipanti. Copia del regolamento deve essere fruibile nel luogo del concorso o sul sito web del promotore.

3. FIDEJUSSIONE

Le pratiche per l’accensione delle fidejussioni a garanzia del montepremi delle manifestazioni a premio possono essere sottoscritte dal promotore o dal soggetto delegato. eTotem può gestire per conto dei clienti tali pratiche avvalendosi di partner finanziari consolidati.

4. INVIO AL MINISTERO

I soggetti che intendono svolgere un concorso a premio devono darne comunicazione, almeno quindici giorni prima dell’inizio, al Ministero dello Sviluppo Economico obbligatoriamente attraverso il servizio telematico. La comunicazione prevede la trasmissione di apposito modulo elettronico “Prema” unitamente al regolamento e alla documentazione relativa alla fidejussione.

5. ASSEGNAZIONE PREMI E TUTELA PRIVACY

In base all’ art. 9 del DPR 430/01, per quanto riguarda i concorsi a premio, ogni fase dell’assegnazione dei premi è effettuata alla presenza di un notaio o del responsabile della tutela del consumatore e della fede pubblica competente per territorio. Anche nel caso in cui il concorso si svolga mediante instant win, è obbligatorio redigere un verbale di assegnazione nel quale il funzionario attesti il corretto svolgimento della manifestazione.

eTotem, in qualità di soggetto delegato, si fa carico di consegnare tutta la necessaria documentazione e di assistere alla verbalizzazione ovvero all’assegnazione dei premi con il funzionario competente. In funzione delle meccaniche prescelte, eTotem supporta i propri clienti nella stesura delle informative sul trattamento dei dati, relative ai concorsi.

6. OBBLIGHI TRIBUTARI SUI PREMI

Sui premi delle manifestazioni a premio gravano specifici adempimenti fiscali che variano in base alla natura dei destinatari della manifestazione. Grazie alla collaborazione con Studio Meozzi, eTotem offre specifica consulenza al riguardo ogni attività.

Quando si intenda svolgere una Manifestazione a Premio, è necessario tener presente che:

  • in nessun caso l’IVA sull’acquisto dei premi è detraibile;
  • se l’ IVA è esente o non esposta è necessario comunque applicare l’imposta sostitutiva del 20% sul prezzo di acquisto dei premi.

Per quanto riguarda le imposte dirette le entità e modalità di applicazione della tassazione variano a seconda dei destinatari della manifestazione. A titolo indicativo, nei concorsi rivolti ai consumatori sui premi grava una ritenuta di imposta pari al 25% del loro valore.

7. GESTIONE VINCITORI

La gestione dei vincitori e la consegna del premio è il momento in cui si concretizza l’adempimento della promessa pubblica e quindi va gestita con attenzione e precisione. A seconda della tipologia di concorso, del numero dei vincitori e delle informazioni disponibili, vi sono diverse modalità di comunicazione delle notifiche. eTotem dispone di ogni mezzo per effettuarle nella modalità più idonea ed economicamente conveniente.

8. CONSEGNA DEI PREMI

Per l’invio dei premi, eTotem dispone di un servizio di logistica dedicato che si occupa di consegnare i premi con sistemi certificabili e di raccogliere le opportune liberatorie o giustificativi di consegna necessari ai fini della chiusura del concorso.

9. ONLUS

L’ art. 10 del DPR 430/01 dispone che, nei concorsi a premio, i premi non richiesti o non assegnati vengano devoluti a una ONLUS che viene indicata sul regolamento. eTotem si fa carico di effettuare la consegna e documentarla opportunamente ai fini della chiusura del concorso.

10. CHIUSURA

eTotem si fa carico di effettuare la consegna e documentarla opportunamente ai fini della chiusura del concorso.

Vuoi organizzare un concorso a premi sicuro? Contattaci per un preventivo gratuito e senza impegno

APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Il D.P.R 430 del 26/10/2001 è alla base delle varie leggi e circolari ministeriali che regolano i concorsi a premi.

Alcuni aspetti della Legge sono risultati però ambigui e sono seguite negli anni varie circolari dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero dello Sviluppo Economico al fine di indicare agli operatori del settore interpretazioni omogenee.

Di seguito i principali riferimenti normativi che regolano l’organizzazione di concorsi e manifestazioni a premio:

D.P.R. 430 del 2001: Regolamento sulla revisione della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio.

Circolare 28 marzo 2002: Prime indicazioni esplicative ed operative in merito al D.PR n.430 del 26 ottobre 2001

D.Lgs 5 luglio 2010: Rideterminazione della disciplina delle manifestazioni a premio.

Art. 19 Legge 27 Dicembre 1997, n.449: Disciplina fiscale delle manifestazioni a premio.

Per ulteriori approfondimenti è possibile visitare il sito del Ministero dello sviluppo economico.

ASPETTI FISCALI

Le imposte da versare sono regolamentate da circolari emesse dagli organi competenti che determinano nel dettaglio gli adempimenti fiscali legati alle manifestazioni a premio.

Per organizzare un concorso a premi va versata una cauzione pari al valore complessivo dei premi messi in palio, il cui quantitativo è determinato ai fini IVA o di imposta sostitutiva.

Nel caso in cui i premi non vengano assegnati, essi dovranno essere devoluti a una o più ONLUS stabilite in fase organizzativa.

Non è detraibile l’imposta relativa all’acquisto o all’importazione di beni e servizi utilizzati per la realizzazione di manifestazioni a premio (art. 19 c. 8 Legge 449/1997).

È prevista l’applicazione di un’imposta sostitutiva qualora i premi non siano imponibili ai fini IVA. Nel caso in cui i beni o i servizi siano indetraibili ai fini IVA, l’indetraibilità riguarderà soltanto il valore dei premi mentre saranno detraibili le spese accessorie.

È necessario un versamento IRPEF pari al 25% del valore più alto tra il prezzo al pubblico ed il reale costo del prodotto messo in palio.

SANZIONI E MANIFESTAZIONI VIETATE

La realizzazione di concorsi a premi deve necessariamente rispettare le normative vigenti per non incorrere in pesanti sanzioni che possono essere generate anche da semplici inadempienze formali. A questo link è possibile avere una panoramica completa delle sanzioni previste e delle manifestazioni escluse. Clicca Qui

NORMATIVA SUI CONCORSI SUI SOCIAL NETWORK

Per organizzare un concorso a premi sui social network è necessario che sia presente un’applicazione esterna ai social ospitata su server italiani, oppure che i dati dei partecipanti siano replicati in tempo reale su server presenti sul territorio italiano. Non è possibile quindi utilizzare le app. per lanciare contest nelle tab di Facebook.